Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti

FESTIVAL FILOSOFI LUNGO L'OGLIO

Il Festival Filosofi lungo l'Oglio è una manifestazione promossa dalla Fondazione Filosofi lungo l’Oglio che si svolge, dal 2006, in numerosi Comuni compresi tra le Provincie di Brescia, Bergamo e Cremona, nei mesi di giugno e luglio. Ogni anno viene scelto un tema attorno al quale chiamare a discutere le figure più eminenti del pensiero contemporaneo. Di edizione in edizione si è assistito ad un incremento delle lezioni magistrali offerte ad un pubblico sensibile e in costante aumento. La specificità che caratterizza questo Festival risiede nella peculiarità del suo format: non una tre giorni in cui concentrare gli appuntamenti, ma un arco di tempo che supera i 40 giorni, e che sembra fare proprio il tempo lento della provincia. Tempo prezioso in cui ascoltare le lezioni magistrali dei pensatori – tutte ad ingresso libero – , confrontarsi nei dibattiti che seguono gli incontri e, se così si può dire, far fruttare il tempo che separa un intervento dall'altro, per lasciare spazio all'antica ruminatio. Al ritmo temporale segue l'articolarsi «spaziale» del Festival: tra piazze, castelli, dimore signorili, cascine, sinagoghe, chiese, auditorium, teatri è il pensiero stesso a farsi nomade seguendo, idealmente, il percorso del Fiume Oglio, quasi si trattasse di un Vegliardo depositario di vetuste tradizioni che, nel ricordarci l'appartenenza alle nostre origini – una evocazione che si fa materia nella terra che esso stesso attraversa, separa, unisce, feconda, alimenta nelle opere e nei giorni di chi la coltiva – , ci chiedesse di fare memoria di quella fatica di cui è testimone, tramutandola nella fatica del pensiero. Fatica non meno ardua, ma che nella complessità del mondo in cui abitiamo sembra quasi un imperativo, una sfida da raccogliere. Da condividere. Da sostenere. E così ogni anno, dinnanzi al «Vegliardo», si recano illustri studiosi attorno ai quali fanno cerchio uomini e donne di buona volontà, capaci di «decidersi» nel-dare-senso-al-loro-tempo, sempre più ridotto da impegni professionali e familiari, ma non per questo insufficiente per prestare ascolto e ricorrere alla propria capacità critica nella partecipazione attiva alle lezioni. Si ha «fame» di contenuti, si avverte la necessità di incamminarsi sulla strada del Maestro. Si esprime un «bisogno» che connota la nostra stessa umanità e che non si accontenta di essere anestetizzato da proposte e format per lo più seriali, asettici, liquidi come la nostra società, direbbe Zygmunt Bauman. Il Festival, che negli ultimi anni si è sempre pregiato dell'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, si avvale di un Comitato scientifico così costituito: Ilario Bertoletti, Bernhard Casper, Piero Coda, Adriano Fabris, Amos Luzzatto, Aldo Magris, David Meghnagi, Salvatore Natoli, Maria Rita Parsi, Armando Savignano e Francesca Nodari, che è il direttore scientifico del Festival. Nel corso della varie edizioni sono stati ospitati studiosi del calibro di Marc Augé, Paolo Becchi, Remo Bodei, Edoardo Boncinelli, Bernhard Casper, Piero Coda, Paolo De Benedetti, Roberta De Monticelli, Duccio Demetrio, Massimo Donà, Adriano Fabris, Franco La Cecla, Francesco Miano, Armando Savignano, Chiara Saraceno, Francesca Rigotti, Giovanni Ghiselli, Massimo Giuliani, Sergio Givone, Giuseppe Laras, Amos Luzzatto, Aldo Magris, Vito Mancuso, Michela Marzano, Armando Massarenti, Jean-Luc Nancy, Salvatore Natoli, Maria Rita Parsi – rispettivamente padrino e madrina di questo Simposio di Pensiero e di Parole – Elena Pulcini, Stefano Semplici, Eberhard Schockenhoff, Andrea Tagliapietra, Marco Vannini, Luigi Zoja. A partire dalla settima edizione, il Festival ha registrato due importanti novità: l'istituzione del Premio Internazionale di Filosofia/Filosofi lungo l'Oglio. Un libro per il presente. Una benemerenza che è assegnata all'opera di uno studioso che abbia elaborato, attraverso il suo pensiero, idee capaci di fornire agili strumenti per abitare la nostra contemporaneità. Un'opera, dunque, che sia in grado di segnare, non soltanto la storia della filosofia, ma la realtà effettuale in cui ogni uomo si trova a vivere nel qui e ora dei nostri giorni. Come da Statuto, il Premio è attribuito su giudizio insindacabile della Commissione giudicatrice composta dai Professori: Ilario Bertoletti, Adriano Fabris (Presidente), Azzolino Chiappini, Amos Luzzatto, Aldo Magris, Salvatore Natoli, Maria Rita Parsi e Francesca Nodari. Di qui l’affinarsi della mission della manifestazione che si articola su una doppia linea direttrice fondamentale: l’alta divulgazione attraverso le lezioni magistrali, che costituiscono il cuore della Kermesse; l’attivazione del Premio che rinviene la sua peculiarità nel legare il prestigioso riconoscimento ad un’opera particolarmente significativa per la nostra contemporaneità e il suo valore aggiunto nell’avvicinare sempre più la filosofia alla vita delle persone e insieme nel sollecitare la lettura di testi che, per il rilievo delle tesi sostenute e la tensione propositiva che le anima, sono da considerarsi dei classici del pensiero della nostra era.

THE CHALLENGE OF THE OGLIO PHILOSOPHERS' FESTIVAL

The Oglio Philosophers’ Festival is an event promoted by the Oglio Philosophers’ Foundation, which since 2006 has taken place in numerous municipalities in the provinces of Brescia, Bergamo and Cremona, in the months of June and July. Each year a theme is chosen, around which the most eminent figures of contemporary thought are invited to base their discussions. Each edition has seen a rise in the number of lectures offered to a receptive and increasingly large public audience. The specific trait that characterizes this festival is the unusual nature of its format: it is not concentrated into a three-day event, but spans a period of over 40 days, a quality that reflects the unhurried pace of the province itself. This is valuable time, during which the public can listen to the lectures – all with free admission – of thinkers engaged in debates that follow the meetings and, so to say, make the most of the time between one appointment and another, to make room for the ancient art of ruminatio. The “spatial” design of the Festival is in harmony with its temporal rhythm: in the squares, castles, stately homes, farms, synagogues, churches, auditoriums and theatres there is a sense of nomadic wandering, following, ideally, the path of the River Oglio, as if it were an Old Man depositary for obsolete traditions that, while reminding us of our origins - an evocation that materialises in the land itself that it crosses, separates, combines, fertilizes and feeds with the work and days of those who cultivate it -, also asks us to remember that effort that it bears witness to, turning it into the effort of thought. An effort that is no less arduous, but that, in the complexity of the world we inhabit, seems almost an imperative, a challenge to be met. To be shared. To be sustained. And so every year, the venerable “Old Man” is surrounded by illustrious scholars, around which good-willed men and women gather, to “decide” to make-sense-of-their-time, ever more at the mercy of professional and family commitments, but nevertheless able to listen and employ their critical faculties to actively participate in the lessons. They are “hungry” for content; there is a need to travel down the road of the Master. There is a “need that characterizes our own humanity and that is not content with being anesthetized by mostly serial proposals and formats, which are septic, and fluid like our society. These would be the words of Zygmunt Bauman. The Festival, which in recent years has always been honoured by the patronage of the President of the Republic, is supported by a scientific committee made up as follows: Ilario Bertoletti, Bernhard Casper, Piero Coda, Adriano Fabris, Amos Luzzatto, Aldo Magris, David Meghnagi, Salvatore Natoli, Maria Rita Parsi, Armando Savignano and Francesca Nodari, who is the scientific director of the Festival. In previous editions various scholars were hosted, of the calibre of Marc Augé, Paolo Becchi, Remo Bodei, Edoardo Boncinelli, Bernhard Casper, Piero Coda, Paolo De Benedetti, Roberta De Monticelli, Duccio Demetrio, Massimo Donà, Adriano Fabris, Franco La Cecla, Francesco Miano, Armando Savignano, Chiara Saraceno, Francesca Rigotti, Giovanni Ghiselli, Massimo Giuliani Sergio Givone, Giuseppe Laras, Amos Luzzatto, Aldo Magris, Vito Mancuso, Michela Marzano, Armando Massarenti, Jean-Luc Nancy, Salvatore Natoli, Maria Rita Parsi – godfather and godmother, respectively, of the Symposium of Thought and Words - Elena Pulcini, Stefano Semplici, Eberhard Schockenhoff, Andrea Tagliapietra, Marco Vannini, and Luigi Zoja. As of the seventh edition, the Festival has recorded two important innovations: the establishment of the International Philosophy Prize / Oglio Philosophers. A book for the present. This merit is assigned to the work of a scholar who has developed, through his thoughts, ideas capable of providing responsive tools for our contemporary situation. A work, therefore, that is able to mark not only the history of philosophy, but also the current reality in which every man lives, in the here and now of our days. In accordance with the Statute, the Prize is awarded with incontestable judgment of the jury composed of Professors: Ilario Bertoletti, Adriano Fabris (Chairman), Azzolino Chiappini, Amos Luzzatto, Aldo Magris, Salvatore Natoli, Maria Rita Parsi and Francesca Nodari. From here, the refinement of the event’s mission is divided into a fundamental double line: the high dissemination through lectures, which are at the heart of the event; and the launch of the Prize that is unique in tying the prestigious award to a work of particular significance to our contemporary world, and its added value in bringing philosophy ever closer to people's lives, while together urging the reading of texts which, due to the import of the arguments put forward and the propositional tension that animates them, are considered classics of the thought of our era.

EDIZIONI

I RELATORI DELL’EDIZIONE 2018

Enzo Bianchi, Silvia Vegetti Finzi, Marc Augé, Massimo Cacciari, Umberto Galimberti, Remo Bodei, Nando Dalla Chiesa, Maria Rita Parsi, Donatella di Cesare, Luigi Zoja, Maria Tilde Bettetini, Vanni Codeluppi, Leopoldo Sandonà, Mons. Vincenzo Paglia, Gabriella Turnaturi, Marco Ermentini, Massimo Donà, Elena Pulcini, Francesca Nodari, Anna Foa, Francesco Miano, Marco Vannini, Giuseppina De Simone, Francesca Rigotti, Stefano Zamagni, Gabriele Archetti, Giancarlo Pallavicini, Gian Antonio Girelli, Annunziato Vardé, Umberto Curi, Luigi Croce.


22
Giu
2018

Venerdì 22 Giugno 2018 21:15
MACLODIO - Area eventi
MACLODIO - Area eventi
Via Molino Emili, 25030 Maclodio BS, Italia
Massimo Donà - Magiche e sorprendenti condivisioni

Area eventi
Via Molino Emili
Maclodio (Bs)

Laureatosi nel 1981 con Emanuele Severino, presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Venezia, Massimo Donà inizia a pubblicare diversi saggi per riviste e volumi collettanei. A partire dalla fine degli anni ’80, collabora con Massimo Cacciari presso la Cattedra di Estetica dello IUAV (Venezia) e coordina per alcuni anni i Seminari dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Venezia.

“MAGICHE E SORPRENDENTI CONDIVISIONI”

Esibizione del trio jazz, dove ritroviamo il filosofo Massimo Donà, nella veste inedita di musicista (tromba e voce), con Michele Polga (sax) e Davide Ragazzoni (batteria).
Una performance unica nel suo genere in cui il suono incontra la parola e trasforma la conoscenza in una vera e propria esperienza delle Magiche e sorprendenti condivisioni del professore veneziano.

23
Giu
2018

Sabato 23 Giugno 2018 21:15
TAVERNOLE SUL MELLA - Chiesa di San Filastrio
TAVERNOLE SUL MELLA - Chiesa di San Filastrio
Via Padre Ottorino Marcolini, 13, 25060 Tavernole sul Mella BS, Italia
Elena Pulcini - Passioni empatiche

Chiesa di San Filastrio
Tavernole sul Mella (BS)

Elena Pulcini è professoressa di Filosofia sociale presso l’Università di Firenze ed è membro del Comitato redazionale della rivista Iride (Mulino), del comitato scientifico della rivista Quaderno di Comunicazione (Meltemi), del comitato direttivo della rivista La società degli individui (Angeli), del Comitato scientifico della rivista Politica e società (Carocci), del comitato scientifico della rivista internazionale Iris (Florence University Press).

26
Giu
2018

Martedì 26 Giugno 2018 21:15
LOGRATO - Villa Morando
LOGRATO - Villa Morando
Via Callini, 9, 25030 Lograto BS, Italia
Massimo Cacciari - L’animale impolitico

Villa Morando
Via G. Calini, 9 - Lograto (BS)
(in caso di maltempo l'incontro si terrà presso la Palestra Comunale via Giangiacomo Morando);

Massimo Cacciari, tra i più apprezzati e originali filosofi contemporanei, è professore emerito di Estetica presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Nel 1967, sotto la guida del professor Dino Formaggio, si laurea in Filosofia all'Università di Padova con una tesi sulla Critica del giudizio di Immanuel Kant, avendo come relatore Sergio Bettini.

28
Giu
2018

Giovedì 28 Giugno 2018 21:15
LUDRIANO - Villa Suardi
LUDRIANO - Villa Suardi
Via Gabriele Camozzi, 25030 Ludriano BS, Italia
Francesca Nodari - Alla ricerca del maestro perduto - Moderatore: Nicola Arrigoni

Villa Suardi
Via G. Camozzi, Ludriano di Roccafranca (Bs)
(in caso di maltempo: Sala Civica di Ludriano)

02
Lug
2018

Lunedì 02 Luglio 2018 21:15
BARBARIGA - Piazza Aldo Moro
BARBARIGA - Piazza Aldo Moro
Piazza Aldo Moro, 4, 25030 Barbariga BS, Italia
Anna Foa - Condividere le memorie familiari

Piazza Aldo Moro
Barbariga (Bs)
(in caso di maltempo l'incontro si terrà presso la Chiesa SS. Vito, Modesto e Crescenzia, Via Roma)

Anna Foa, nata nel 1945, è ebrea per parte di padre, Vittorio Foa, giornalista, scrittore e politico legato a ‘Giustizia e Libertà’, poi al ‘Partito d’Azione’, imprigionato nelle carceri fasciste dal 1935 al 1943, passato al Psi e successivamente a varie sigle di sinistra. Il bisnonno era Rabbino-capo di Torino, ma Vittorio era un ebreo laico. La studiosa, che fin dall’infanzia ha avuto comunque rapporti stretti con l’ebraismo, si è ‘convertita’ formalmente dopo i 40 anni, dopo un lungo periodo di preparazione e di approfondimento dei sacri testi, che è stato accompagnato da Elio Toaff, figura-simbolo dell’ebraismo romano negli ultimi decenni.

03
Lug
2018

Martedì 03 Luglio 2018 21:15
COLOGNE - Cortile Palazzo Municipale
COLOGNE - Cortile Palazzo Municipale
Piazza Giuseppe Garibaldi, 25033 Cologne BS, Italia
Giuseppina De Simone - Condividere e con-patire

Cortile Palazzo Municipale
P.za Giuseppe Garibaldi, Cologne
(in caso di maltempo: Cinema Teatro Cristoforo Torri, via Martinelli 22)

Giuseppina De Simone è professore ordinario nella Pontificia Facoltà teologica dell’Italia meridionale (sezione San Luigi - Napoli) dove insegna filosofia della religione ed è coordinatrice del biennio di specializzazione in Teologia fondamentale (indirizzo Teologia dell’esperienza religiosa nel contesto del Mediterraneo). E’ inoltre professore incaricato presso la Pontifica Università lateranense. E’ direttore della rivista Dialoghi e membro di comitati scientifici o editoriali di numerose case editrici e riviste

04
Lug
2018

Mercoledì 04 Luglio 2018 21:15
CALVISANO - Palazzo Lechi
CALVISANO - Palazzo Lechi
Via S. Michele, 25012 Calvisano BS, Italia
Marc Augé – Condividere la condizione umana

Palazzo Lechi
via San Michele, Calvisano (Bs)
(in caso di maltempo: sala polifunzionale sita nella medesima via)

Già directeur d’études presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi, di cui è stato a lungo Presidente, Marc Augé, tra i maggiori africanisti dei nostri tempi, è diventato negli ultimi vent’anni una figura di riferimento anche per un’antropologia della tarda modernità. Etnologo e antropologo di fama mondiale ha elaborato un’antropologia della pluralità dei mondi contemporanei attenta alla dimensione rituale del quotidiano e della modernità.

05
Lug
2018

Giovedì 05 Luglio 2018 21:15
ORZIVECCHI - Palazzo Martinengo
ORZIVECCHI - Palazzo Martinengo
Via Martinengo, 15, 25030 Orzivecchi BS, Italia
Marco Vannini - Io non sono uno che divide

Palazzo Martinengo
Via Martinengo, 15 -Orzivecchi (Bs)
(in caso di maltempo l'incontro si terrà presso la Chiesa SS. Pietro e Paolo sita nella medesima via)

Marco Vannini è il maggior studioso italiano di mistica speculativa e traduttore dell’intera opera, latina e te­desca, di Meister Echkart. Oltre a Meister Eckhart, ha curato anche l’edizione italiana della Teologia mistica di Jean Gerson, Paoline, 1992.

06
Lug
2018

Venerdì 06 Luglio 2018 21:15
COCCAGLIO - Piazzetta Auditorium S. Giovanni Battista
COCCAGLIO - Piazzetta Auditorium S. Giovanni Battista
Via Castello, 14, 25030 Coccaglio BS, Italia
Francesco Miano - La comunicazione esistenziale

Piazzetta Auditorium S. Giovanni Battista
Via castello, 14 - Coccaglio (Bs)
(in caso di maltempo: interno Auditorium)

Francesco Miano è professore ordinario di Filosofia morale presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È presidente della Sifm (Società Italiana di Filosofia Morale), presidente dell’Istituto Internazionale Jacques Maritain e direttore della rivista “Notes et documents”. E’ stato presidente dell’Aifr (Associazione italiana di filosofia della religione). Fa parte della consulta nazionale di Filosofia. E’ direttore insieme a Giuseppe Cantillo della rivista “Studi jaspersiani” e tra i soci fondatori della Società italian Karl Jaspers. E’ membro di comitati scientifici o editoriali di numerose case editrici e riviste. E’ coordinatore del corso di studi triennale e del corso di studi magistrale in Filosofia presso l’Università di Roma “Tor Vergata”

09
Lug
2018

Lunedì 09 Luglio 2018 21:15
ORZINUOVI - piazza Vittorio Emanuele II
ORZINUOVI - piazza Vittorio Emanuele II
Piazza Vittorio Emanuele II, 25034 Orzinuovi BS, Italia
Vincenzo Paglia - Il crollo del noi

Piazza Vittorio Emanuele II
Orzinuovi (Bs)
(in caso di maltempo l'incontro si terrà presso la Chiesa S. Maria Assunta, medesima piazza);

L’Arcivescovo Vincenzo Paglia, nato a Boville Ernica il 21 aprile 1945, ha frequentato il Pontificio Seminario Romano Minore e poi il Pontificio Seminario Romano Maggiore, dalla prima media sino alla conclusione del ciclo di formazione. Si è laureato in teologia presso la Pontificia Università Lateranense, dove ha conseguito anche la licenza in filosofia. Si è poi laureato in pedagogia presso l'Università di Urbino. È stato ordinato sacerdote il 15 marzo 1970 incardinandosi nella diocesi di Roma, dove ha esercitato la funzione di viceparroco a Casal Palocco dal 1970 al 1973.

  • Fondazione Cariplo
  • Despar
  • Ime
  • Credito Cooperativo di Brescia
  • Fondazione Cogeme
  •  Collezione Paolo VI
  •  Fondazione ASM
  •  Movimento Bambino Onlus
  • BCC Agrobresciano
  •  Cogeme Lgh