Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti
Giovedì, 07 Marzo 2019 01:45

Don Puglisi e don Potieri, testimoni di un mondo che sogna giustizia

Scritto da Tonino Zana - Giornale di Brescia
Francesca Nodari - presidente Fondazione Filosofi lungo l'Oglio Francesca Nodari - presidente Fondazione Filosofi lungo l'Oglio

Inaugurato ieri nella Bassa il Giardino dei Giusti voluto dalla Fondazione Filosofi lungo l'Oglio.

Il nuovo Giardino dei Giusti a Barbariga è ombreggiato da una torre passeraia con cento buchi per ognuno dei quattro lati, e sul verde di un'aiuola siedono gli innocenti-giusti di almeno cento bambini delle scuole. Vanno e vengono i giusti dalla vita e dalla morte, e in quei bambini rinascono con l'insegnamento di stare insieme e dalla parte dei giusti.

Testimoni. Quanti sindaci nella campagna fresca di marzo, ieri mattina: scorrono le immagini di autorità in mezzo al popolo, il prefetto Annunziato Vardé, il questore Vincenzo Ciarambino, i vertici dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, presente il colonnello Russo, gli amici di don Giuseppe Potieri e don Pino Puglisi, i due Giusti nel Giardino di Barbariga, don Pino, il martire assassinato dalla mafia, don Potieri il sacerdote messo al muro, pestato, salvo per miracolo, amico dei deboli, combattente contro il nazifascismo, come don Pino educatore dei giovani, sostenitore degli sfollati, degli sbandati in guerra e in pace.

C'è un bel mucchio di popolo in questo campo di impegno civile tra paese e campagna e il merito è della volontà organizzata e dell'intelligenza coraggiosa della prof. Francesca Nodari, sostenitrice di riflessioni sul pensiero storico con il festival dei Filosofi lungo l'Oglio, della cui Fondazione è presidente, i circuiti curati della Shoah e dal 2015 quel suo piantare, seminare e raccogliere i frutti dell'albero di Giusti bresciani, tra i 417 Giusti d'Italia e i 20mila nel mondo. Lode a Andrea Andrico, cercatore di martiri e partigiani, resuscitati alla memoria.

Ieri a Barbariga si è alzata la meditazione pacata del Prefetto: «Va tenuto bene a mente questo percorso di responsabilità, non dobbiamo mai abbassare la guardia sull'orrore. La benedizione dei due cippi ricordo sotto la Torre degli orrori, sui quei 6 milioni di morti ebrei e va reso onore a questi giusti non ebrei che hanno salvato a rischio della loro vita tante famiglie ebree. Per questo staremo insieme intorno all'albero dei Giusti».

Fede e vita. Il sindaco di Barbariga, Giacomo Uccelli ha ricordato insieme a Gianluigi Zanola, pronipote di don Potieri, la grandezza di questo personaggio bresciano, la cui testimonianza si è disposta tra Gussago e Barbariga, il suo coraggio, la sua fede pronta al dono della vita per gli altri, quell'esempio di cui oggi si sente il bisogno contro la negazione della carità e dell'accoglienza. Di don Pino Puglisi hanno parlato gli amici di Palermo il fratello che doveva essere qui è morto un paio di settimane fa -, la rappresentante di Libera Rosalba Panaro, che a noi porta subito al nome di Giuseppe Giuffrida leader con la moglie della battaglia contro la criminalità organizzata.

Tratteggia l'immensa portata del suo martirio, la forza di battersi contro la mafia sapendo che l'avrebbe ucciso, la costante unità dell'essere cristiano impegnato nella preghiera e nel sollevare gli «impossibili» del Brancaccio di Palermo a forza del suo martirio.



PARTNER

WEALT ADVISOR
Giuseppe Lanzanova
Banca mediolanum

Con il Patrocinio di

INFO & CONTATTI

  • Fondazione Filosofi lungo l'Oglio
  • via Vittorie 11 - 25030 Villachiara (BS) ITALIA
  • P.IVA: 03699330985

NEWSLETTER