Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti

Visualizza articoli per tag: bresciaoggi

Sabato, 22 Giugno 2013 14:00

Alterità e Trinità con Massimo Donà

Per il peregrinaggio estivo dei «Filosofi lungo l'Oglio» - rassegna diretta da Francesca Nodari, quest'anno all'ottava edizione - è tempo di fare scalo in terra cremonese.

Pubblicato in Rassegna stampa
Venerdì, 14 Giugno 2013 12:36

A Yannaras il premio 2013 dei «Filosofi»

Dalle colline della Franciacorta al cuore di Brescia: per i «Filosofi lungo l'Oglio» il primo scalo cittadino di questa ottava edizione sarà scandito nel segno di Marc Augé.

Pubblicato in Rassegna stampa

Etty Hillesum, Raphael Lemkin, Mons. Carlo Manziana, Teresio Olivelli, Jan Patocka, Angelo e Caterina Rizzini: sono i sei "giusti" ricordati al parco Tarello di Brescia da una lapide e da un albero da frutto. Un giardino in memoria di persone che hanno messo a rischio o addirittura perso la propria vita per aiutare o salvare il prossimo.

L'inaugurazione del giardino è avvenuta ieri mattina alla presenza degli assessori Mario Labolani e Andrea Arcai, in occasione della Giornata Europea in memoria dei Giusti, celebrata a Brescia per la prima volta, grazie alla volontà dell'Associazione culturale Filosofi lungo l'Oglio, in collaborazione con il Comitato per la Foresta dei Giusti Gariwo, il Comune e la Casa della Memoria. Padre Giulio Cittadini, sacerdote della Pace e teologo, ha ricordato le figure di Monsignor Manziana e di Teresio Olivelli.«Quando mi unii ai partigiani della Valdaosta - ha ricordato Cittadini -, con Manziana già arrestato e deportato a Dachau, scelsi in suo onore il nome di battaglia Manzio». Era presente anche il delegato del vescovo di Brescia Mons. Serafino Corti.

Di Olivelli è stata letta ieri la "preghiera del ribelle", in cui, ha continuato padre Cittadini, «si definisce la Resistenza per quello che è stata: rivolta morale contro l'oppressione».

Grande attenzione ha ricevuto anche Jan Patocka pensatore e protagonista della Primavera di Praga, ricordato da Ivan Chvatic, direttore dell'archivio Patocka di Praga e da Hana da Ros, rappresentante del Consolato onorario della Repubblica Ceca, assieme a nipote e pronipote del filosofo giunte appositamente da Parigi. In particolare le autorità ceche hanno ringraziato la nostra città per l'omaggio reso a Patocka «che ricade su tutta la comunità filosofica ceca e che mette al centro della memoria lo slancio verso la giustizia».

Una targa e un ricordo ieri anche per Raphael Lemkin giurista ebreo polacco, che ha conosciuto lo sterminio degli armeni, omaggiato dal Presidente dell'Unione Armeni in Italia professor Baykar Sivazliyan, mentre il cuore pensante d'Europa, Etty Hillesum, morta a soli 29 anni ad Auschwitz, è stata ricordata dal professore Giancarlo aeta, docente di storia del cristianesimo all'università di Firenze. Di Hillesum restano oggi le lungimiranti e intense parole dei Diari e delle Lettere, letture caldamente consigliate a tutti gli studenti, non solo quelli presenti ieri al Parco Tarello, in rappresentanza di alcuni istituti di Brescia e Provincia, come il Lunardi, l'Arnaldo e il Cossali di Orzinuovi.

Parenti dei signori Rizzini hanno infine ricordato Angelo e Caterina Rizzini che con la loro azione di accoglienza salvarono la vita a Emma viterbi e al figlio Paolo anche se non riuscirono ad evitare la morte del marito Guido e del figlio Alberto Dalla Volta, citato da Primo Levi e al quale è stata intestata l'aula magna del liceo Calini.

Pubblicato in Rassegna stampa
Giovedì, 20 Dicembre 2012 01:00

Filosofi lungo l'Oglio pronto il nuovo volume

A pochi mesi dalla conclusione della settima edizione del Festival Filosofi lungo l'Oglio, che ha ospitato relatori d'eccezione, registrando un'affluenza sorprendente di pubblico, che è andata oltre le più rosee aspettative, attestandosi a 10.500 presenze, domani, alle 20.45, nella Rocca San Giorgio, in Piazza Garibaldi a Orzinuovi, la presentazione del V volume della Collana «Filosofi lungo l'Oglio» (dopo Vizi e virtù 2008, Destino 2009, Corpo 2010, Felicità 2011). Il testo intitolato Dignità (pp. 424, 17 euro) - ospita i saggi di Andrea Tagliapietra, Marc Augè, Giovanni Ghiselli, Maria Rita Parsi, Paolo Becchi, Luigi Zoja, Massimo Donà, Eberhard Schockenoff, Marco Vannini, Remo Bodei, Bernhard Casper, Michela Marzano, Salvatore Natoli, Stefano Semplici, Piero Coda.

Il volume, a cura di Francesca Nodari, è edito da Massetti Rodella Editori. Ospite d'eccezione dell'incontro è Salvatore Natoli, padrino del Festival, cittadino onorario di Villachiara e membro del Comitato scientifico della manifestazione.
Interverranno, inoltre, Ilario Bertoletti, direttore editoriale Morcelliana e La Scuola e il direttore scientifico del Festival, Francesca Nodari. Modererà l'incontro Tonino Zana.

«Come è tradizione - dichiara Francesca Nodari - arriva il testo che raccoglie gli interventi dei relatori succedutisi nel corso della scorsa edizione di questo Simposio di Pensiero e di Parole. Un'occasione che si conferma come un'opportunità di confronto e di scambio reciproco e che fa da preambolo al fitto calendario dell'agenda 2013. Sarà anche l'occasione per un ulteriore confronto con Salvatore Natoli e la sua lucida lettura della realtà dei nostri giorni».

Pubblicato in Rassegna stampa
Sabato, 24 Novembre 2012 01:00

Pia, Manuela,Giulia e Francesca "leader" da Oscar

Se è vero che dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna, forse oggi è ancora più vero che dietro una grande donna c'è soprattutto se stessa. Senza nessuna rivendicazione di superiorità di genere dettata dalla gonnella piuttosto che dai pantaloni. ma la considerazione che oggi, in un Paese che sancisce la necessità di una figura come quella della Consigliera di parità o una Gionata contro la violenza sulle donne, quelle che arrivano lontano, nella vita come nel lavoro, hanno una marcia inpiù. Perchè se non ce l' hanno dalla nascita, vuol dire che se la sono inventata.

Pubblicato in Rassegna stampa
Giovedì, 22 Novembre 2012 19:24

Ecco le tre «donne leader» del 2012

Donne imprenditrici in prima linea per concretizzare il futuro della propria azienda. Donne che hanno portato a Brescia un valore aggiunto nel campo della cultura. Donne a cui Brescia guarda come una speranza per il futuro. Con queste motivazioni il «Premio donne leader», giunto alla quinta edizione organizzata dalla sezione bresciana dell'associazione European Women's Management Development (Ewmd), sarà assegnato quest'anno a Pia Donata Berlucchi, Manuela Bonetti, Francesca Nodari e Giulia Felappi, quest'ultima per la sezione «Premio Primavera». I nominativi vengono proposti ogni anno dalle socie Ewmd, ma possono essere proposti anche da associazioni, enti o singoli cittadini. La cerimonia di premiazione è in programma venerdì 23 alle 19 all'auditorium San Barnaba di corso Magenta.

Pubblicato in Rassegna stampa

La filosofia non è una dottrina riservata ad un pubblico di nicchia. Almeno non più. Le oltre 10.500 presenze della settima edizione del Festival Filosofi lungo l'Oglio lo confermano una volta per tutte. Quindici lezioni magistrali, 15 località ospitanti, 18 giorni di attività, 10 giovani partecipanti al Seminario di Alta Formazione, 47 giorni di durata del festival, 1487 visitatori che di media hanno visitato il sito dedicato alla kermesse filosofica, 3000 il picco di contatti raggiunto in un solo giorno, oltre 67mila il totale delle visite nel corso del festival e 10.500 le presenze fisiche registrate nel corso della manifestazione: sono questi i numeri del successo di un' edizione che ha segnato il passaggio del Festival alla piena maturità.

Merito anche delle tante novità introdotte in calendario dalla presidente Francesca Nodari. Una su tutte l' incremento di 5 nuove locations in altrettanti comuni della provincia, a cominciare da Barbariga per proseguire con Corzano, Corte Franca, Erbusco e Travagliato. Il Festival, incentrato quest' anno sul tema della dignità, si è aperto il 6 giugno a Brandico con la lectio inaugurale del filosofo Andrea Tagliapietra su "Natura della dignità e dignità della natura" in una chiesa parrocchiale brulicante di gente, per concludersi lo scorso 23 luglio nella chiesa Santa Maria delle Grazie a Soncino con l' intervento di Pietro Coda su "Dignità umana e libertà religiosa - La lezione del Concilio Vaticano II", salutato da più di mille persone con una vera e propria standing ovation.

Vera novità di questa edizione è stata l' istituzione del "Premio Internazionale di Filosofia - Filosofi lungo l'Oglio, Un libro per il presente" vinto dal grande Bernhard Casper con il suo "Il pensiero dialogico. Franz Rosenzweig, Ferdinand Ebner e Martin Buber". Dalle riflessioni del festival sono usciti inoltre quattro nuovi titoli della collana "Granelli": "Degno, Indegno" di Augè, "Il duplice volto della dignità umana" di Becchi, "Nobiltà" di Vannini e "Dignità e responsabilità - una riflessione fenomenologica" di Casper. E se l' edizione numero sette si è appena conclusa con successo l' ottava è gia in fase di preparazione.

Pubblicato in Rassegna stampa
Mercoledì, 06 Giugno 2012 02:00

Andrea Tagliapietra apre "Filosofi lungo l'Oglio"

Prime impronte filosofiche, disseminate lungo un sentiero estivo alla ricerca del senso della parola "dignità": marchieranno il suolo di Villa Toninelli, stasera a Brandico, dove dalle 21.15 prenderà vita l'appuntamento inaugurale della settima edizione di "Filosofi lungo l'Oglio", rassegna itinerante organizzata dall'omonima associazione culturale con l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio della Prefettura di Brescia.

Pubblicato in Rassegna stampa

Immanuel Kant fu il primo ad evocarne il concetto, enunciandolo sotto forma di «esigenza » formulata nel secondo imperativo categorico. Schiller ne riprese poi l’intuizione, definendola come «l’espressione della libertà dello spirito nel fenomeno».Più conciso, Georg Foster ne parlava invece a guisa del «vero segnavia della vita».

Pubblicato in Rassegna stampa

Immanuel Kant fu il primo ad evocarne il concetto, enunciandolo sotto forma di «esigenza » formulata nel secondo imperativo categorico. Schiller ne riprese poi l’intuizione, definendola come «l’espressione della libertà dello spirito nel fenomeno». Più conciso, Georg Foster ne parlava invece a guisa del «vero segnavia della vita».

Pubblicato in Rassegna stampa
Pagina 4 di 5

INFO & CONTATTI

  • Fondazione Filosofi lungo l'Oglio
  • via Vittorie 11 - 25030 Villachiara (BS) ITALIA
  • P.IVA: 03699330985

NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo