Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti
Sabato, 28 Febbraio 2015 13:23

Nel Giardino dei Giusti si coltiva il ricordo

Scritto da Paola Gregorio - Giornale di Brescia

ORZINUOVI Commemorare le figure dei giusti, dei testimoni di verità che nei momenti tragici della storia si sono opposti al male.

Sarà una porzione del parco Alcide de Gasperi di Orzinuovi ad ospitare il secondo Giardino dei Giusti, che l’Associazione culturale Fi- losofi lungo l’Oglio ha voluto con all’Amministrazione comunale di Orzinuovi, il Comitato per la Foresta dei Giusti - Gariwo e la Confraternita dei Santi Faustino e Giovita. Il Giardino, come ha ricordato Francesca Nodari, direttore scientifico del Festival Filosofi lungo l’Oglio, sarà inaugurato venerdì 6 marzo, in occasione della terza edizione della Giornata Europea dei Giusti. «È un passo importante - ha sottolineato la Nodari - che non saremmo riusciti a fare senza le realtà che ci sono accanto». L’inaugurazione del Giardino dei Giusti nel parco Alcide De Gasperi, alle 11, ve- drà la proclamazione quali Giusti di Amneris Manenti, bresciana, scomparsa nel 2014, che si è prodigata mettendo a rischio la propria vita e quella dei suoi cari per aiutare la famiglia Levi: Lina e Guglielmo e il figlio Gianfranco, allora residente nella nostra città, a sfuggire alla polizia fascista e alla deportazione, e che dopo la liberazione sposò proprio Gianfranco. Poi ancora Primo Levi, scrittore che visse in prima persona il dramma dei lager; Armin T. Wegner, poeta e intellettuale tedesco, nel 1933 fu l’unico che ebbe il coraggio di de- nunciare la persecuzione degli ebrei in Germania e testimone oculare del genocidio armeno. E ancora, sette monaci trappisti di nazionalità francese, che nella notte tra il 26 e il 27 marzo 1996 furono sequestrati nel loro monastero in Algeria e ucci- si il 21 maggio. Per ciascuno dei Giusti sarà piantato un albero e scoperto un cippo.

Alle 12, dopo la commemorazione - alla quale interverranno il sindaco di Orzinuovi, Andrea Ratti e Michele Scalvenzi, fratello Guido Dotti, monaco della comunità di Bose, Misha Wegner, figlio di Armin Wegner, Guido Levi, figlio di Amneris Manenti, e Stefano Levi della Torre, docente del Politecnico di Milano e la Nodari - il senatore Paolo Corsini, al Centro culturale di Orzinuovi, terrà la lectio magistralis «L’antisemitismo oggi: tra razzismo e negazionismo». Pietro Kuciukian, console onorario della Repubblica d’Armenia e co-fondatore di Gariwo, ha sottolineato che esistono «atti giusti».

Informazioni aggiuntive

  • autore: Paola Gregorio
  • giornale: Giornale di Brescia

INFO & CONTATTI

  • Fondazione Filosofi lungo l'Oglio
  • via Vittorie 11 - 25030 Villachiara (BS) ITALIA
  • P.IVA: 03699330985

NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo