Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti
Venerdì, 28 Giugno 2019 02:22

«Generare senza dimenticare la memoria»: tra musica e numeri la lezione di Haim Baharier.

Scritto da Chiari Week
Haim Baharier - studioso Haim Baharier - studioso

«Generare per essere e non dimenticare». La kermesse di Filosofi Lungo L'Oglio è sbarcata lunedì negli spazi del quadriportico della biblioteca Fausto Sabeo. Pochi minuti prima delle 21.30 è iniziata la conferenza sul tema della memoria, del genetico e del mondo relativo alla Genesi.

Un pizzico anche di politica e contemporaneo con riferimenti all'attuale clima sociale e al vento pro anti demotismo che soffia nel Continente. Un bisbiglio che diventa voce nelle parole della presidentessa e fondatrice Francesca Nodari che ha introdotto l'ospite Haim Baharier.

Ad aprire la serata i saluti istituzionali dell'assessore Chiara Facchetti che ha riaccolto il filosofo nella città clarense. L'evento si è snodato tra musica e ironia della memoria, tra essere e essere generati, tra numeri ed aneddoti. Il professor Baharier ha snocciolato perle di saggezza dalla semplicità del suono generato da un piccolo strumento, passando per la profondità del numero, dalla psicoanalisi alla storia, il tutto in chiave semplice e diretta, prendendo come esempio un lascito culturale molto importante. Un'eredità che viene dalla Shoah, dall'approfondimento della sacra scrittura, della Torah, ispirandosi alla filosofia dei percorsi nella leadership, nella comunicazione, analisi e elaborazione della conflittualità, della precarietà del Terzo Millennio. Etica e terzo millennio con spunti legati a Emmanuel Levinas, uno delle grandi voci della filosofia dello scorso secolo e a Léon Askenazi, con il suo messaggio di speranza e storia dell'ebraismo.



PARTNER

WEALT ADVISOR
Giuseppe Lanzanova
Banca mediolanum

Con il Patrocinio di

INFO & CONTATTI

  • Fondazione Filosofi lungo l'Oglio
  • via Vittorie 11 - 25030 Villachiara (BS) ITALIA
  • P.IVA: 03699330985

NEWSLETTER