Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti
Martedì, 19 Febbraio 2019 00:30

Giusti, la Giornata crea un legame tra città e Bassa

Scritto da Eliade Zupelli - Bresciaoggi

Dal partigiano Astolfo Lunardi, fucilato il 6 febbraio del 1944 al poligono di Mompiano, al rabbino Giuseppe Laras, figlio della Shoah e figura chiave nella costruzione del dialogo ebraico-cristiano nel nostro Paese; dai premi Nobel per la pace Lech Walesa e Nadia Murad a Don Pino Puglisi, ucciso a Palermo dalla mafia per "silenziare" il suo costante impegno evangelico e sociale nel difficile quartiere di Brancaccio.

Storie diverse nel segno di una missione comune, fotografata e nella citazione che è il leit motiv della settima edizione: «Chi salva una vita, salva il mondo intero».

NON PIU circoscritta alla Shoah bensì momento per ricordare in senso più esteso «quanti si sono prodigati per difendere la dignità umana contro genocidi e totalitarismi», la Giornata europea dei Giusti torna grazie all'impegno della Fondazione Filosofi lungo l'Oglio (diretta da Francesca Nodari).

Il programma entrerà nel vivo il 25 febbraio, partendo da Brescia. Appuntamento alle 11.30 a parco Tarello: Walesa, Murad, Lunardi e Laras, i Giusti celebrati nel frangente; fra i tanti ospiti annunciati, anche il prefetto Annunziato Vardé, il sindaco Emilio Del Bono e il deputato Emanuele Fiano, figlio di uno dei più attivi testimoni della Shoah.

A seguire, dalle 18, alla libreria della Cattolica sarà presentata la nuova collana «Memoria del Tempo», edita da Mimesis e diretta dalla stessa Nodari con i due volumi «Il comandamento della memoria» di Giuseppe Laras e «La scoperta dell'umanità nell'inferno dello Stalag 1492» di Bernhard Casper.

Il secondo appuntamento, il 6 marzo a Barbariga, dove alle 11 in occasione dell'inaugurazione del Giardino dei Giusti (Torre Passeraia, in via Garibaldi,) oltre a Don Puglisi sarà onorata la memoria di Don Giuseppe Potieri, sacerdote che nascose ebrei e collaborò con i partigiani, patendo la prigionia e rischiando la fucilazione.

L'indomani, 7 marzo, le celebrazioni culmineranno a Orzinuovi sullo sfondo del Parco Alcide De Gasperi, dove (sempre alle 11) saranno ricordati Vittorio Foa, antifascista, politico, saggista, membro del comitato scientifico della Fondazione Filosofi lungo l'Oglio e dell'associazione Gariwo, e i coniugi Giuseppe Gloriotti e Maria Colombi, che nella loro casa a Orzinuovi, nascosero la più piccola delle sorelle Silbermann, fuggite dalla Germania nazista.



PARTNER

WEALT ADVISOR
Giuseppe Lanzanova
Banca mediolanum

Con il Patrocinio di

INFO & CONTATTI

  • Fondazione Filosofi lungo l'Oglio
  • via Vittorie 11 - 25030 Villachiara (BS) ITALIA
  • P.IVA: 03699330985

NEWSLETTER