Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti
«Nessuno si salva da solo». È questo il monito universale che ha accompagnato la struggente preghiera di papa Francesco contro la pandemia lo scorso 27 marzo. Eppure, mai come oggi, ciascuno sembra fare per sé, non curante degli altri, ma dedito soltanto alla rincorsa forsennata del proprio successo.
Nulla sarà come prima? L'uomo è sempre uguale, nella sua miseria e grandezza. L'«immunità di gregge» produce disastri, perché umilia la nostra umanità
Lenire la confusione del momento che stiamo vivendo con il balsamo di scrittori e pensatori
Già Bauman ci aveva avvertito: il nostro tempo è attraversato da un'utopia rivolta all'indietro: «un simile dietrofront trasforma il futuro, da habitat naturale di speranze e di aspettative legittime, in sede di incubi» mentre Augé, riflettendo su Le nuove paure che attanagliano il nostro presente si chiede se queste non siano diventate una sorta di retaggio che rende tutto abitudine. Il sentire del soggetto della società planetaria sembra essere reso molto bene da questa espressione: «Stress con contorno di angoscia: è questo il menù del giorno».
Pagina 19 di 250

INFO & CONTATTI

  • Fondazione Filosofi lungo l'Oglio
  • via Vittorie 11 - 25030 Villachiara (BS) ITALIA
  • P.IVA: 03699330985

NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo