Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 67

Visualizza articoli per tag: Massimo Donà

Giovedì, 26 Giugno 2014 14:33

Fede, onestà e fiducia

«L’uomo non può vivere senza una perenne fiducia in qualcosa d’indistruttibile in sé, la qual cosa non esclude che, sia tale fiducia, sia quell’elemento indistruttibile, gli possano restare perennemente nascosti.Uno dei modi coi quali può esprimersi questo nascondimento è la fede in un Dio personale».

F. Kafka, Quaderni in ottavo

Pubblicato in Comunicati Stampa
Martedì, 25 Giugno 2013 09:42

La Trinità entra nel campo di Napoleone

L'ex cimitero napoleonico di Ostiano raccoglie una di quelle riflessioni in cui il dogma duella a morte con la filosofia, la ragione con il mistero.

Pubblicato in Rassegna stampa
Sabato, 22 Giugno 2013 14:00

Alterità e Trinità con Massimo Donà

Per il peregrinaggio estivo dei «Filosofi lungo l'Oglio» - rassegna diretta da Francesca Nodari, quest'anno all'ottava edizione - è tempo di fare scalo in terra cremonese.

Pubblicato in Rassegna stampa
Sabato, 22 Giugno 2013 13:47

Massimo Donà la filosofia e la Trinità

Il mistero trinitario, il cuore profondo, il dogma più complicato della religione cristiana e la riscoperta anche teologica del principio dialogico ispirato al Concilio Vaticano II che chiama in causa anche i pensatori laici (la «cattedra dei non credenti» istituita dal Cardinal Martini): questo il nucleo tematico che stasera Massimo Donà affronta nella suggestiva cornice dell'ex cimitero napoleonico, in via Pieve a Ostiano (Cr) (in caso di pioggia presso Il Teatro Gonzaga).

Pubblicato in Rassegna stampa
Sabato, 22 Giugno 2013 23:00

Massimo Donà

Alterità e trinità

«Nel quinto libro [… ] ho dimostrato che non tutto ciò che si dice di Dio lo si dice sotto l’aspetto della sostanza come quando lo si aferma buono e grande e gli si danno altri simili attributi. Si dice anche sotto l’aspetto della relazione, ossia non rispetto a quello che è in se stesso, bensì rispetto a qualcosa che non è l’assoluto in Dio; per esempio quando si dice Padre in relazione al Figlio o si dice Signore in relazione alle creature che lo servono». Agostino, De Trinitate

ore 21:15 - Ex cimitero napoleonico, via Pieve - Ostiano (Cr)
(in caso di pioggia presso Teatro Gonzaga, sito in via Castello)

Pubblicato in EVENTI

La filosofia è un modo di sopportare l’atroce assurdità della vita.
Quaderni di metafisica 1927/1981, Andrea Emo

Pubblicato in INTERVISTE

Ha evocato l’orrore dei lager Massimo Donà, ospite l’altra sera del festival Filosofi lungo l’Oglio a Castrezzato, con un intervento centrato sul rapporto tra dignità e libertà.

Pubblicato in Rassegna stampa

MERCOLEDÌ 27 GIUGNO MASSIMO DONÀ A CASTREZZATO

Pubblicato in Comunicati Stampa
Giovedì, 30 Giugno 2011 15:37

Lectio magistralis di Donà

BRANDICO – Cresce l’attesa, l’atmosfera si scalda per la lectio magistralis ‘Vita compiuta’ che Massimo Donà, ordinario di Filosofia teoretica presso la facoltà di Filosofia dell’università Vita-Salute del San Raffaele di Milano, terrà questa sera alle 21.15 presso Villa Toninelli di Brandico (in caso di pioggia nella chiesa Santa Maria Maddalena. Già ospite del festival, Dona torna in uno dei tre nuovi comuni che, da questa edizione, sono entrati a far parte del tour filo-rivierasco. «La sorprendente affluenza del pubblico – ha dichiarato il direttore scientifico del festival Francesca Nodali – conferma che la filosofia, come la felicità, è contagiosa. Positivamente contagiosa.

Pubblicato in Rassegna stampa

La nostra vita quotidiana può diventare un’avventura, se siamo disponibili a «lasciar venire a noi le cose». Massimo Donà, docente di filosofia teoretica all’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano, ha affrontato il tema della felicità – al centro della sesta edizione del festival «Filosofi lungo l’Oglio» – dedicando giovedì sera la sua conferenza a chiarire in quali modi si possa intendere questo «venire a noi» delle cose. Il giardino di Villa Toninelli, a Brandico, era ancora una volta pieno di spettatori, per la soddisfazione del sindaco Simona Plodari – che ha coinvolto nell’allestimento i ragazzi del centro diurno per la salute mentale del Distretto socio-sanitario – e del direttore scientifico Francesca Nodali. Al pubblico affamato di felicità, Donà ha preferito parlare di «vita compiuta», mettendola in relazione col genere di rapporto che noi instauriamo col mondo. Gli uomini – ha spiegato – non considerano mai le cose per se stesse, ma solo entro un orizzonte utilitaristico. Un bicchiere, un tavolo, acquisiscono significato per l’uso che possiamo farne: le cose sono serve del fine». Di quale fine? «Uno soltanto: io e il mio benessere».

Pubblicato in Rassegna stampa
Pagina 3 di 4

INFO & CONTATTI

  • Fondazione Filosofi lungo l'Oglio
  • via Vittorie 11 - 25030 Villachiara (BS) ITALIA
  • P.IVA: 03699330985

NEWSLETTER