Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti
Giovedì, 29 Ottobre 2020 16:23

Il 30 ottobre si chiude con Maria Rita Parsi la XV edizione di “Filosofi lungo l’Oglio”

Scritto da Ufficio Stampa
Maria Rita Parsi Maria Rita Parsi

Il 30 ottobre si chiude con Maria Rita Parsi la XV edizione di “Filosofi lungo l’Oglio”. Il Festival che non si e’ mai fermato dal 21 settembre tra le provincie di Brescia Bergamo e Cremona.

Il 30 ottobre alle ore 21.00 con Maria Rita Parsi ultimo incontro per la XV edizione del festival, Filosofi lungo l’Oglio. A seguito del DCPM del 24/10/20, appuntamento per tutti in streaming, collegandosi alla pagina facebook del festival https://www.facebook.com/filosofilungologlio/ e in diretta televisiva sul canale 80 del digitale terrestre di Cremona1TV e in streaming sullo stesso canale.

Con Maria Rita Parsi, in collegamento, anche la direttrice del festival Francesca Nodari e il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti. Al termine della conferenza sarà annunciata, come consuetudine, la parola chiave attorno a cui ruoterà la XVI edizione del festival.

Il potere distruttivo e come contrastarlo sono i concetti della riflessione di Maria Rita Parsi, che interverrà con un incontro dal titolo quanto mai provocatorio: Essere inumani. Non sarebbe ragionevole richiedere a politici, economisti, legislatori e tutori dell’ordine di individuare i propri problemi prima di risolvere quelli altrui? Identificare le radici del potere distruttivo serve a combatterlo per alimentare quello costruttivo. Il potere distruttivo esprime, nel microcosmo familiare come nel macrocosmo sociale, il malessere, il disagio dettato dall’impotenza di chi lo ricerca, di chi lo esercita o tenta di esercitarlo. E, ancora, di chi lo accetta e lo sostiene facendolo, per delega, esercitare ad altri. Una riflessione profonda per combattere quei dittatori che opprimono milioni di esseri umani e tante nazioni al mondo e, ancora, per denunciare i ‘Signori della guerra’ e quanti alimentano odi, orrori e conflitti a livello planetario.

Con una declinazione dal titolo provocatorio si chiude il festival che ha trovato nella parola chiave “essere umani” la matrice fondante di questa edizione.

Maria Rita Parsi Psicopedagogista, psicoterapeuta, docente, saggista, scrittrice, editorialista, svolge da anni un’intensa attività didattica e di formazione presso università, istituti specializzati, associazioni private. Membro del Comitato ONU per i diritti dei fanciulli e delle fanciulle, ha dato vita alla Fondazione Movimento Bambino ONLUS, per la tutela giuridica e sociale dei minori, per la diffusione dei loro diritti, per la formazione dei formatori e per l’ascolto, l’aiuto e l’assistenza ai minori e alle loro famiglie, in Italia e all’estero. Nel 1986 è stata insignita del titolo di Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana. Nel 2007 ha ricevuto la medaglia d’oro della Camera dei Deputati a nome del Comitato Scientifico Internazionale del Centro Pio Manzù, presieduto da Mikhail Gorbaciov e, nel 2009, il Premio nazionale Paolo Borsellino. Tra le sue ultime pubblicazioni: I maschi son così. Penelope si è stancata, (2016); Single per sempre. Storie di donne libere e felici, (2016); Generazione H, (2017); La principessa degli specchi, (2017); Luigina cuor di rabbia, (2017); Se non ti amo più, (2017); Felici si può, (2018); Manifesto contro il potere distruttivo, con S. Giannella, (2019).

Iniziata il 21 settembre la maratona del pensiero si è svolta, nella sua consueta veste itinerante, per terminare il 30 ottobre 2020, toccando le province di Brescia, Bergamo e Cremona. Un appassionante viaggio che ha visto protagonisti alcuni tra i più importanti pensatori e filosofi italiani e internazionali e che, per il quindicesimo anno consecutivo, ha rinnovato il suo forte legame con il territorio e il pubblico da sempre presenza attenta e partecipe del festival.

Ben 23 comuni coinvolti in questa XV edizione con le tre città capoluogo – Brescia, Bergamo Cremona, cui seguono i comuni di: Barbariga, Caravaggio, Castegnato, Chiari, Erbusco, Gardone Valtrompia, Lograto, Manerbio, Orzinuovi, Orzivecchi, Ospitaletto, Palazzolo sull’Oglio, Provaglio d’Iseo, Roncadelle, Sarezzo, Soncino, Villachiara, Treviglio, Urago d’Oglio, Trenzano.

Il Festival Filosofi lungo l’Oglio è stato insignito anche quest’anno, dopo sei anni consecutivi, della prestigiosa medaglia del Presidente della Repubblica ed è l’unico Festival di filosofia ad aver ricevuto per tre bienni consecutivo il marchio europeo Effe Label 2019-2020, progetto sostenuto dalla Commissione Europea e realizzato da EFA, Associazione dei Festival Europei per premiare l’impegno artistico e la capacità di coinvolgere le comunità locali che guardano all’Europa.

Il Festival – promosso dalla Fondazione Filosofi lungo l’Oglio – è un soggetto di rilevanza regionale della Regione Lombardia; si avvale dell’Adesione del Prefetto di Brescia e ha ottenuto il Patrocinio delle Province di Brescia e di Bergamo e di tutti gli enti coinvolti. Sponsor: BCC Credito Cooperativo, IME, Consorzio Franciacorta, Fondazione Cogeme.




INFO & CONTATTI

  • Fondazione Filosofi lungo l'Oglio
  • via Vittorie 11 - 25030 Villachiara (BS) ITALIA
  • P.IVA: 03699330985

NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo