Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti
Non si ferma la voglia di filosofia. Grande successo per la XIII edizione del festival nomade

Non si ferma la voglia di filosofia. Grande successo per la XIII edizione del festival nomade "Filosofi lungo l'Oglio. Annunciato il tema della prossima edizione nella parola chiave "Generare"

Grande successo per la XIII edizione del festival Filosofi lungo l’Oglio diretto dalla filosofa Francesca Nodari e promosso dalla Fondazione Filosofi lungo L’Oglio. Circa 25.000 sono state le presenze complessive fra incontri ed eventi cornice nei ben 25 comuni coinvolti lungo il fiume Oglio nelle province di Brescia, Mantova e Cremona.

leggi tutto

casper_2

Oggi, mercoledì, alle 20.45, nel Salone Bevilacqua della Pace (in via Pace 10, in città; si parcheggia entrando da Contrada del Carmine - via Marsala - Vicolo delle Vidazze), è in programma l’atteso incontro intitolato: «Quale dialogo tra le religioni?», promosso dalla Ccdc (Cooperativa cattolico-democratica di cultura) in collaborazione con l’Ufficio Pastorale per l’Ecumenismo e i Padri della Pace.

Relatore d’eccezione sarà Bernhard Casper, professore emerito all’Università di Friburgo. Per l’occasione lo abbiamo incontrato. Ricordo della prima volta a Brescia La conversazione prende avvio da una serie di ricordi importanti: la prima volta che venne a Brescia con il maestro Welte nel 1961, per visitare «i tesori paleocristiani di San Salvatore», poi i grandi incontri: il seminario e il corso di logica con Heidegger, l’amicizia profonda con Lévinas, che gli dedicherà uno dei suoi ultimi testi, «Nell’ora delle Nazioni», con queste parole: «Al professor Bernhard Casper, teologo e filosofo, amico dal cuore grande e dall’alto pensiero ».

Dopo tali premesse, una domanda sembra d’obbligo: secondo il più autorevole esperto del pensiero dialogico, che cosa si deve intendere, oggi, per dialogo?, chiediamo al prof. Casper. «Inizierei con il precisare - risponde - che una buona teologia ha sempre bisogno di due occhi: l’uno sistematico, l’altro storico, e che la fede cristiana necessita sempre di una esplicazione "ragionevole". La filosofia classica e l’elaborazione del pensiero dei padri medievali si sono, da subito, poste il grande interrogativo: «che cosa è l’essere assoluto?», collocandosi in quell’orizzonte dell’essere che impone all’uomo di porsi sempre questa domanda.

Questa metafisica è divenuta, pertanto, il mezzo per esplicitare l’atto della fede nella grande epoca che da Aristotele e Platone giunge aHegel. Poi con l’empirismo e con la teorizzazione di una scienza che rende l’uomo signore e padrone della natura si è cominciato a pensare la realtà more geometrico, con conseguenze tuttora ben visibili».

Del progresso scientifico

«Se non si può negare - prosegue il filosofo - che il progresso scientifico abbia condotto a risultati importanti, essi proprio perché esposti nella forma di evidenze atemporalmente valide, non dicono, tuttavia, cosa si debba realmente fare, ponendo il soggetto nella difficoltà di scegliere tra possibilità meramente formali. Per uscire da una tale aporia, che determina l’attuale disorientamento dell’uomo, si deve ricorrere a quella fenomenologia del linguaggio che ebbe la sua svolta decisiva già nell’800 per arrivare, con Humboldt, alla constatazione che per parlare si ha bisogno di due persone».

Fenomenologia del linguaggio

«Se si vuole, davvero, capire il linguaggio - prosegue il professore emerito dell’Università di Friburgo - lo si deve intendere «nel suo realissimo essere parlato». Condizione che implica l’incontro con l’Altro che, come me, è mortale e finito. Questo coincide con l’intuizione di Kant che conferisce, nell’economia della razionalità umana, il primato alla pura ragione pratica. Nella II formulazione dell’imperativo categorico si trova il fondamento dell’umanità. E il linguaggio stesso - sottolinea il grande filosofo - si mostra come umanità, a condizione che non degeneri nella strumentalizzazione dell’altro o in un tentativo di limitarsi a parlare soltanto con sé, chiudendosi in una sorta di autismo autoreferenziale».

Promuovere l’essere insieme

«Perché parliamo? - si domanda Casper -. In ultima analisi, per promuovere l’essere insieme degli uomini. Nel suo temporalizzarsi, l’uomo coglie nell’evento che si fa dialogo e preghiera la possibilità stessa di dire sì ad un accadimento della storia».

E il dialogo tra le religioni?, viene da chiedere. «Quando ho davvero una fede - risponde il prof. Casper -, sono tenuto a comunicarla e, quindi, sono già in dialogo. Come suggerisce San Paolo, il credente è chiamato a confessare quella parola salvifica alla quale, con la sua ragione, ha dato l’assenso. Richiamando, ancora, Kant: «Tutto il pensare è un dire, tutto il dire è un udire. Non solo, se io annuncio la mia fede come semplice cristiano, nel mettermi in dialogo con l’altro, devo prendere sul serio il suo credo e non constatare superficialmente che si tratta di mera idolatria».

Consapevolezza dei propri limiti

«Al contrario - aggiunge -, devo essere critico con il mio stesso modo di credere in un perfezionamento che richiede timore e apertura. La consapevolezza dei propri limiti - conclude Casper - è proprio ciò che mette in guardia da un abuso della religione e da un suo decadimento, poiché il pericolo di qualsiasi credo è la pietrificazione dovuta alla sola autoaffermazione». «Per questo - conclude allora il prof. Bernhard Casper - il dialogo con l’altro è indispensabile, un dialogo che oppone alla visione mistica dell’anima che parla con il suo Creatore, il monito agostiniano che ci ricorda come l’amore di Dio e quello del prossimo convergano in unità: in ogni mendicante amiamo lo stesso Cristo».

Pagina 993 di 997

Rassegna Stampa

«La verità isola e diventa spesso crudele: le bugie sono relazionali»

«La verità isola e diventa spesso crudele: le bugie sono relazionali»

Sarà «Persona» il tema del prossimo FestivalFilosofia, già in calendario dal 13 al 15 settembre 2019 a Modena, Carpi e Sassuolo. L'edizione 2018 si è appena chiusa con 185mila presenze che, secondo uno studio, creano un ritorno economico pari a quattro volte il costo della manifestazione. Di «Inganni e finzioni di verità», tra gli altri, ha parlato Andrea Tagliapietra, professore di Storia della filosofia all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

leggi tutto

La stagione dei Festival cercando una bussola

La stagione dei Festival cercando una bussola

A Pordenone si legge, a Modena si fa filosofia, a Brescia le parole si intrecciano con la musica. A Sarzana s'è usata la mente, a Camogli s'è fatta comunicazione. Cinema a Venezia, cori e danze tra Milano e Torino, geopolitica a Ferrara. È la grande stagione dei festival, tramonti, spiagge e città d'arte, dall'uno all'altro mar.

leggi tutto

Vegetti Finzi: «La verità è un affare da bambini»

Vegetti Finzi: «La verità è un affare da bambini»

Educazione. I bambini e la verità» è il titolo dell’attesa lectio magistralis che Silvia Vegetti Finzi - nata a Brescia nel 1938, tra le più acute psicologhe cliniche del nostro presente, già docente di Psicologia dinamica all’Università di Pavia, scrittrice e autrice di innumerevoli saggi che hanno formato intere generazioni - terrà domenica, alle 20.30, in piazza Martiri a Carpi. Per l’occasione l’abbiamo incontrata.

leggi tutto

Marrani, gli ebrei convertiti, mentitori «per necessità»

Marrani, gli ebrei convertiti, mentitori «per necessità»

Non sempre ci è dato dire la verità. Tanto più se estorta sotto tortura. Di questo parlerà Donatella Di Cesare - ultima allieva (l’unica donna) di Hans-Georg Gadamer, ordinaria di Filosofia teoretica all’Università di Roma «La Sapienza» - venerdì 14 settembre alle 16.30 in Piazza Martiri a Carpi. Nel suo prezioso volume «Marrani» (Einaudi 2018), la professoressa Di Cesare ricorda che nella «Lettera sull’apostasia» Maimonide fu esplicito: esortò i suoi correligionari a sottrarsi al martirio che era da considerarsi «non come una norma ebraica», bensì «un gesto eccezionale».

leggi tutto

«Ritorno alla terra» per ritrovare il nostro passato e guardare al futuro

«Ritorno alla terra» per ritrovare il nostro passato e guardare al futuro

La cascina «Le Vittorie» di Villachiara ha ospitato ieri sera il convegno «Ritorno alla terra» che ha aperto ufficialmente i molti eventi collaterali della 70a Fiera di Orzinuovi. «Il ritorno alla terra è in realtà un imperativo dei nostri tempi non solo in termini di semplicità e di riscop erta delle tradizioni, ma diviene anche un motivo di riflessione per uscire dall'avvitamento imposto dalla virtualità della rete.

leggi tutto

Generare: la nuova sfida dei Filosofi da 25mila spettatori

Generare: la nuova sfida dei Filosofi da 25mila spettatori

Giusto il tempo di archiviare la tredicesima edizione, con il suo bagaglio voluminoso e stratificato di riflessioni concentriche all'atto del «Condividere», e per il festival «Filosofi lungo l'Oglio» è già tempo di tuffarsi a capofitto nel futuro, in prospettiva 2019: «Generare» sarà infatti la parola chiave che farà da sottofondo alla prossima edizione del simposio di pensieri e parole promosso dall'omonima fondazione e diretto da Francesca Nodari, che, fedele alla linea del «nomadismo culturale» fra giugno e luglio ha visto protagonisti ospiti del calibro di Marc Augé, Massimo Cacciai e Remo Bodei, tanto per citarne alcuni.

leggi tutto

Francesca Rigotti ha incantato gli orceani

Francesca Rigotti ha incantato gli orceani

Giunta ormai alla sua tredicesima edizione, la rassegna de i Filosofi lungo l'Oglio ha saputo riscuotere in città un ampio successo. In questa occasione è intervenuta in città la filosofa Francesca Rigotti, la quale ha tenuto un breve seminario dal titolo «Condividere torte, mantelli, conoscenza» nella splendida cornice della chiesa parrocchiale, preferita alla piazza cittadina per timore del maltempo.

leggi tutto

Maria Rita Parsi: Educhiamo a condividere gioie e sofferenze del vivere insieme

Maria Rita Parsi: Educhiamo a condividere gioie e sofferenze del vivere insieme

PALAZZOLO SULL'OGLIO. Pienissimo a San Fedele in Palazzolo. La chiusura del XIII Festiva! dei Filosofi lungo l'Oglio è da finale mondiale, chiesa piena, molti seduti sui gradini. Con la gioia di chi ha fatto il massimo e lo ha ottenuto, la leader dell'evento Francesca Nodari, amica della super relatrice Maria Rita Parsi, che la accompagna anche nell'esposizione dei numeri che compongono la manifestazione.

leggi tutto

Va a Curi il Premio di filosofia

Va a Curi il Premio di filosofia

L'analisi della figura dello straniero dai tempi antichi al mondo contemporaneo è stata al centro della serata organizzata lunedì dalla Fondazione Filosofi lungo l'Oglio nel teatro comunale di Erbusco, in occasione dell'assegnazione al professor Umberto Curi del Premio Internazionale di Filosofia «Un libro per il presente», giunto alla settima edizione, per il suo ultimo lavoro intitolato appunto «Straniero».

leggi tutto

  • Fondazione Cariplo
  • Despar
  • Ime
  • Credito Cooperativo di Brescia
  • Fondazione Cogeme
  •  Collezione Paolo VI
  •  Fondazione ASM
  •  Movimento Bambino Onlus
  • BCC Agrobresciano
  •  Cogeme Lgh

    Twitter

    filosofilungologlio (@f_lungologlio)

    filosofilungologlio (@f_lungologlio)